Trasloco: 10 cose da non scordare

Se avete deciso di cambiare casa e volete gestire il trasloco in autonomia, una lista di buoni consigli da tenere a mente, e anzi, segnare a penna, vi sarà sicuramente molto utile: ecco 10 cose da fare e da non fare.
– Primo passo: eliminare il superfluo. In ogni abitazione si accumulano inevitabilmente oggetti ormai in disuso da anni, rotti, rovinati o che non servono; metteteli nei sacchi dell’immondizia (rigorosamente indifferenziata!) e buttateli negli appositi cassonetti. Dopo questa pulizia agire diventerà più agevole e potrete concentrare le energie sul resto.
– Procuratevi tanti fogli di giornale (quotidiani), indispensabili per avvolgere gli oggetti più delicati e fragili (in particolare quelli ornamentali riposti in vetrine e credenze), per proteggerli da urti ed incidenti di ogni genere.
– Una volta riempiti gli scatoloni, non dimenticate di contrassegnarli tutti con le apposite etichette adesive (acquistabili anche online), così vi sarà facile trovare ciò che cercate e ricollocarlo al posto giusto in un attimo quando sarete nel nuovo appartamento.
– Non abbiate paura di circondarvi di scatoloni, perché durante un trasloco essi non sono mai abbastanza; in commercio si trovano anche appositi kit che aiutano ad ottimizzare tempi e spazi.
– Siate previdenti! Poiché non è affatto sicuro che nella nuova casa ci siano già le luci montate e funzionanti, portate con voi delle lampadine e/o delle lampade da terra da usare al momento per continuare la sistemazione in modo agevole.
– Man mano che svuotate i mobili ricordatevi di pulirli, perché ciò velocizzerà ulteriormente il trasloco.
– Nell’ultima fase del trasloco ricordatevi di tenere con voi gli oggetti che servono quotidianamente, come il sapone, il detergente intimo, il dentifricio e lo spazzolino e, se avete animali domestici, tenete sempre a portata di mano il loro cibo, bocconcini o croccantini che siano.
– Durante i giorni del trasloco facilitatevi il compito per quanto riguarda i pasti; inutile perdere tempo ai fornelli e tanto meno a lavare piatti e stoviglie, meglio procurarsi del buon cibo freddo ed usare posate e piatti di plastica. Ovviamente, non fatevi mancare l’acqua.
– Chiedete aiuto. “L’unione fa la forza” dice un vecchio adagio e mai come per il trasloco il detto si dimostra assolutamente veritiero: chiedete a qualche familiare e/o amico di darvi una mano e i tempi si dimezzeranno.
– Infine, un consiglio che può sembrare banale, ma che, visto il trambusto che ogni trasloco crea, non lo è affatto: fate attenzione agli oggetti preziosi. Nella confusione generale è tutt’altro che rara la possibilità di perdere cose di valore, quindi mettete al sicuro i gioielli e ciò a cui tenete in modo particolare, onde evitare di dovervi mangiare le mani poi a causa della vostra noncuranza e trascuratezza.

E se a causa dei numerosi scatoloni avete bisogno di noleggiare un minivan o un furgone, rivolgetevi a una società specializzata che metta a disposizione un ampio parco automezzi per ogni esigenza. Tra queste Van4you ha sedi sparse in tutta Italia tra cui Monza-Brianza, Modena, Brescia e offre il noleggio anche nel solo fine settimana.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *