Macchina Taglio laser: funzionamento e vantaggi

La tecnologia del taglio laser è diventata indispensabile nel settore del taglio industriale fin dai primi anni Novanta. Si tratta di laser ad alta potenza (>500 mW) che sono in grado di tagliare grazie all’elevatissima energia che riescono a concentrare in punti molto piccoli. In questo modo l’energia, entrando in contatto con il materiale, si trasforma rapidamente in calore ad elevatissime temperature. Il calore è in grado di concentrarsi però in punti sottilissimi, generando il taglio che può avvenire per vaporizzazione, combustione o fusione del materiale su cui è applicato. Il resto della superficie, invece, non viene intaccato né surriscaldato.

A seconda dei macchinari (vedi qui una selezione di macchine taglio laser), vengono utilizzati diverse tipologie di laser a velocità ed intensità differenti a cui corrispondono diverse modalità di taglio.
Per tali ragioni anche i materiali su cui viene utilizzato il taglio laser sono tra i più disparati: dal vetro alla plastica, dal cuoio ai metalli e alle lamiere, dalla ceramica alle gomme.

Ciò che accomuna il taglio dei differenti materiali è una serie di vantaggi non raggiungibili in nessun altro modo:

  • L’altissima precisione del taglio, all’ordine dei micron, non ottenibile con tagli di natura meccanica che si fermano ad una precisione di tipo millimetrico;
  • Taglio netto e regolare, senza sbavature;
  • Drastica riduzione del rumore dovuto al taglio;
  • Maggior sicurezza sul lavoro dovuta ad una minor probabilità di errore umano;
  • Maggiore pulizia del luogo di lavoro a causa di un volume molto ridotto di produzione di polveri e scarti generati dal taglio;
  • Minor usura delle macchine laser rispetto a quelle a funzionamento meccanico, con seguente abbassamento dei costi di manutenzione.

Il taglio ottenuto è quindi di elevata qualità e non necessita di ulteriori puliture o levigature dei bordi.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *