Le specialità culinarie dell’Elba

La vacanza risulta migliore se al relax accompagniamo pasti succulenti. Sull’isola d’Elba si può mangiare del pesce fresco ovunque ci si trovi, ci sono molti locali che preparano piatti locali con prodotti del posto e ingredienti di alta qualità.

Noi abbiamo avuto l’onore di essere ospitati presso l’Hotel Montecristo, che ha reso il nostro recente soggiorno meraviglioso grazie al suo ristorante, aperto di recente, che serve solo gli ospiti dell’hotel. Una delle ragioni per cui consigliamo vivamente di soggiornare qui è non solo l’ottimo servizio offerto durante l’arco del soggiorno, ma anche le sue strutture, come la piscina direttamente sulla spiaggia, come il ristorante. Questi servizi ti permetteranno di rimanere sulla spiaggia di Marina di Campo rimanendo comunque vicino al centro città.

Il pesce fresco non è l’unica specialità che ci offre l’Elba; se si arriva fino al Monte Capanne, montagna posta al centro della parte occidentale dell’isola, sarete allietati dalla vista del bellissimo mare in un ambiente unico adatto a fare delle lunghe passeggiate. La montagna è composta da rocce granitiche, che permettono la presenza di piccole cave a conduzione familiare, come quella della Beneforti, che producono rivestimenti in pietra di granito richiesti in tutto il mondo, anche a Pisa troveremo questo minerale alla base della famosa Torre Pendente.

Tornando al cibo, a Sant’Ilario abbiamo potuto deliziarci con un pranzo al ristorante La Fonte, all’ingresso della città fortificata. Il ristorante è a conduzione familiare, l’informalità e la semplicità la fanno da padrona, ti servono rapidamente come se facessi parte della famiglia, con un delizioso minestrone preparato ancora oggi con l’originale ricetta della nonna Rosina. Che abbiamo anche incontrato fuori la sua casa mentre visitavamo il borgo medievale dopo pranzo. Consigliamo anche la pasta fatta in casa con sugo di cinghiale, il mio ne è andato ghiotto! La Fonte è l’unico ristorante in città, mentre la grande terrazza in estate diventa una piattaforma dove vengono allestiti i tavoli per mangiare all’aperto e più in tarda serata ascoltare dell’ottima musica.

A Baia Bianca, abbiamo potuto godere di una cena a base di degustazioni varie presentate alla perfezione dai menù: dalle insalate di salmone, alla pasta ai rustici imbottiti e crepès come dessert.

Tornando a Marina di Campo, abbiamo apprezzato la deliziosa cena presso il ristorante da Paolo, che è un piccolo ristorante, appena arretrato rispetto al mare, specializzato in piatti a base di pesce, cucinati in casa e preparati da nonna Lucia (ancora attiva in cucina) e suo figlio, Paolo. All’ora di pranzo, troverete i menu che cambiano ogni giorno in base al pesce pescato la mattina, mentre per la cena si consiglia di prenotare in anticipo per gustare un delizioso pasto a base di pesce.

Un altro locale in cui abbiamo trascorso una magnifica serata è stato la Trattoria al Moro: lo chef, e anche proprietario, Andrea Ghisolfi, offre un’interessante interpretazione in chiave moderna dei piatti locali. Nel menù erano presenti: pasta fatta in casa, prodotti tipici e vino locale e in più si spazia dai frutti di mare alla carne per accontentare anche i palati più differenti o per chi non ama il pesce. Ho apprezzato molto le frittelle fatte di melanzane e servite con focaccia a base di parmigiano, ma la pasta paccheri e cozze è stato il pasto finale all’Elba che ha reso indimenticabile il ricordo di quest’isola.

Per raggiungere l’Elba, è possibile prenotare un traghetto su www.traghetti-isoladelba.it

Foto di copertina di Pubblico Dominio

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *