La Regione Calabria investe 18 milioni per il turismo

Indubbiamente una delle Regioni più affascinanti del Sud, forse non sempre sufficientemente valorizzata, ma senz’altro degna di attenzioni turistiche, culturali, enogastronomiche: questo il profilo della Calabria, terra generosa, forte, ricca di risorse.

Come tutte le “cose” belle, che possono comunque essere sempre migliorate, la Calabria, alla vigilia dell’alta stagione turistica 2017, ormai prossima (il Minerva Club Resort propone uno sconto del 15% sull’Early Booking), individua la necessità di dover potenziare alcuni servizi offerti ai propri visitatori, o quanto meno a coloro che vorranno diventarne, al fine di valorizzare appieno le risorse e il proprio patrimonio naturale e culturale.

Per fare questo, specie attraverso il potenziamento di accessibilità e ricettività, la Regione ha messo a bando ben 18 milioni di euro per finanziare progetti volti al miglioramento ed alla riqualificazione di servizi turistici, potenziamento dell’accoglienza e creazione di nuove opere e prodotti, il tutto attraverso la realizzazione di interventi, coerenti con quanto stabilito, per il relativo contesto, dalla S3, la Strategia di Specializzazione Intelligente per la Ricerca e l’Innovazione.

Il Presidente della Regione, Mario Oliverio, presentando il progetto, ha spiegato che i finanziamenti dovranno potenziare strutture e prodotti, per aumentare la ricettività del territorio, specie sotto il profilo della competitività di strutture e servizi e, soprattutto, per migliorarne la qualità, ritenendo fondamentale aumentare, e mantenere elevato, il flusso turistico in Calabria: dovranno essere utilizzati per progetti edilizi ed ingegneristici, servizi di marketing ed innovazione, acquisto di macchinari ed impianti, software, licenze, nonché studi e ricerche di fattibilità e pianificazioni.

Favorire la crescita dei servizi di ospitalità significa, peraltro, non solo un ottimo biglietto da visita per la Regione stessa agli occhi dei turisti nazionali e internazionali, ma anche creazione e sviluppo di nuova occupazione, ed implementazione di quella già esistente: puntare su innovazione, miglioramento e qualificazione di tutto il comparto turistico, per andare incontro ad un mercato sempre più esigente e selettivo, alla ricerca di standard di elevata qualità.

La cifra complessiva è ripartita in due comparti, in base all’attività economica che verrà proposta: i primi 10 milioni sono destinati al cosiddetto “ambito prioritario 1”, riferito alla qualificazione e al potenziamento dei servizi termali e ricettivi in genere; gli altri 8 milioni, sono assegnati per “ambito prioritario 2”, che si occupa di qualificare e rafforzare i restanti servizi di ospitalità turistica.

Qualora il denaro di uno dei due comparti dovesse non essere del tutto utilizzato per lo specifico, le risorse avanzate andranno a rafforzare la dotazione dell’altro settore.

Il bando, voluto e creato dall’amministrazione regionale nell’ambito della programmazione 2014/2020, e rivolto alle piccole e medie imprese ed ai liberi professionisti locali, ha come obiettivo specifico il “sostegno alla competitività delle imprese nelle destinazioni turistiche attraverso interventi di qualificazione dell’offerta e innovazione di prodotto/servizio, strategica ed organizzativa” dell’Asse III – Competitività dei sistemi produttivi del POR Calabria FESR-FSE 2014/-2020”.

L’avviso pubblico è consultabile on line, sul portale regionale “Calabria Europa”: anche le domande di assegnazione dovranno essere compilate in rete, previa registrazione e, dopo essere state firmate digitalmente, potranno essere trasmesse in procedura telematica dal 30° giorno e sino al 60° dalla pubblicazione dell’avviso nel Bollettino Ufficiale della regione Calabria.

La selezione vedrà il formarsi di una graduatoria, che seguirà una verifica di ammissibilità delle richieste effettuata da una Commissione di Valutazione, nominata appositamente dall’amministrazione regionale.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *